soughtdrink

OUR SIGNATURE COCKTAILS

cocktail

Tea Punch

REGENT’S PUNCH
È uno dei punch che meglio rappresenta la storia di questa categoria. Avvolgente, caldo e pulito non finisce mai di stupire. Cognac e rum inglese si amalgamano alla perfezione con il tè verde Mao Feng cinese e lo sciroppo di ananas di nostra produzione. Immancabile, come da tradizione, lo sherbet al limone. Che cos’è lo sherbet? Lo staff di Theoria sarà felice di illustrarti il segreto di questa antica ricetta.
Cognac Voyer v.s, Appleton 12 y., tè verde Mao Feng, sciroppo d’ananas, sherbet al limone, Francicorta Brut.
*
PLANTER’S PUNCH
Un pezzo di storia della Giamaica è racchiuso in questo drink. Il rum deve essere nero senza compromessi, anche il tè deve essere intenso e per questo utilizziamo una miscela di Ceylon.
A questi due ingredienti aggiungiamo uno sherbet all’arancia e succo di lime fresco spremuto al momento. Questo punch è costruito secondo uno schema classico: one sour, two sweet, three strong and four weak.
Meyers’s Rum, tè nero di Ceylon, sherbet all’arancia e succo di lime fresco.
*
HAMMERSMITH PUNCH
Il London dry gin viene prodotto in tutto il mondo, ma è proprio a Londra che la tradizione riesce ad andare in profondità, consegnandoci distillati magnifici in cui ritrovare l’anima del gin.
Sipsmith gin è prodotto nel quartiere di Hammersmith e rispecchia esattamente lo stile classico britannico. Noi, quando abbiamo creato questo punch, ci siamo semplicemente fatti ispirare dalla tradizione di quel popolo che nel 1600 scoprì i punch nelle Indie orientali.
Sipsmith gin, sherbet di limone e mela verde, aceto balsamico, succo di lime fresco e Franciacorta brut, tè Dragon Well.
*
MILK PUNCH
La miscela gode di una tradizione incredibile, infatti questo punch viene consumato sin dalla fine del 1600 e fu amatissimo dalla regina Vittoria nel 1800. In Italia siamo sempre un po’ spaventati dal consumare drink con latte o albumina, ma lo staff di Theoria vi invita a provarlo perché davvero un drink piacevole ed equilibrato.
Cognac Voyer v.s. ,rum English Harbour 5y., passion fruit, tè Milk Oolong, crema di latte e succo di lime fresco.

Classic

MARTINI IN THEORIA
La storia del cocktail Martini è di lunghissima data e da sempre accompagna personaggi del jet set della politica e di militari illustri come il generale Montgomery. È sempre stato amatissimo dal mondo anglosassone perché la miscela è quasi totalmente composta dal gin; negli ultimi anni, però, il focus si è spostato parecchio sull’altro ingrediente che compone questo cocktail, il vermut; e quando si parla di vermut è inevitabile pensare all’Italia. Quello che vi proponiamo è un martini 5/1, servito a 0°C con una diluizione del 25%. Un mix capace di far risaltare i tè che fanno parte della botanica sia del gin Beefeater 24 che di quella del vermut italiano.
Gin Beefeater 24, vermut dry Mulassano, Twist di limone.
*
MANHATTAN FIFTY FIFTY
Era diventato un drink per pochi nostalgici, ma la nuova Era della miscelazione ha riportato in auge questo meraviglioso drink. Solo cinque anni fa era impensabile trovare sul mercato mondiale un così elevato numero di whisky di segale, nè tanto meno pregiati vermut dolci. Oggi la storia è cambiata e bere Manhattan è diventato veramente piacevole. Theoria vi propone una miscela 50/50 che viene imbottigliata e fatta riposare per almeno una settimana per, poi, essere servita in coppetta a 3°C con una scaglia di ghiaccio.
Whiskey Michter’s single barrel straight rye 55°, Vermut dolce di Mulassano, bitter Angostura. Twist di arancia.
*
VANILLA MINT JULEP
La parola Julep è di origine araba e definiva delle miscele con boccioli di rose.
Una volta arrivata nel Mediterraneo, il balzo nel nuovo mondo non tardò ad arrivare, anche se le rose furono sostituite dalla menta. Quella menta fu istintivamente associata a ciò che divenne uno dei simboli degli Stati Uniti d’America, il bourbon. Whiskey menta zucchero e bitter con abbondante ghiaccio, per rinfrescarsi dal caldo del sud degli USA. Vi proponiamo una variante con cognac infuso alla menta per 3 ore a -15°C e zucchero alla vaniglia del Madagascar, servito con sfera di ghiaccio.
Cognac Voyer v.s., menta, zucchero, vaniglia e bitter Angostura.
*
YOICHI OLD FASHIONED
Distillato, acqua, zucchero e bitter questa è la prima definizione di cocktail data il 6 maggio 1806. Quella formula appartiene, ancora oggi, ad uno dei drink più amato dagli americani. Theoria ve lo propone con un prestigioso whisky giapponese, Yoichi, il quale viene allungato con tè verde Mao Feng anziché acqua. La classe di questo whisky è infinita, con un fumo leggerissimo veramente piacevole. 60 % whisky 40 % tè verde e 6 gr di zucchero bianco, servito con cubo di ghiaccio da 100 gr.
Whisky Yoichi, tè verde, zucchero e bitter Angostura.

Classic & Fruits

BACARDI COCKTAIL
Il segreto per la perfetta esecuzione di questo drink è realizzare lo sciroppo di granatina con melograni freschi. Il succo viene estratto dai preziosi chicchi che danno poi un aroma complesso e rinfrescante. Ci siamo ispirati alla vecchia ricetta per creare un twist più moderno, miscelato non solo con Bacardi ma anche con un rum giamaicano ed uno della Guyana inglese. Per ottenere un drink ancora più rinfrescante, abbiamo aggiunto gocce di aceto di melograno ed alcuni grammi di sherry fino, Lustau di Jerez de la Frontera. Shakerato per 40”, viene servito in calice con cubo di ghiaccio da 100 gr.
Miscela di tre rum: Bacardi, Eldorado 3y., Hampden bianco + sherry fino, zucchero, succo di lime fresco, aceto di melograno e sciroppo di melograno.
*
APPLE MARTINI
Si può dire che questa sia la terza vita di questo classico americano. La prima versione newyorkese prevedeva la miscela tra vodka e liquore alla mela, poi gli inglesi la impreziosirono con puree di frutta fresca ed, infine, la New Age della cockteleria sta portando l’apple martini ad essere un drink veramente piacevole. Servito direttamente in doppia coppa ad una temperatura di 6°C con piccola scaglia di ghiaccio.
Gin Sipsmith, vermut dry Noilly Prat, succo di mela Granny Smith.
*
KNICKERBOCKER
A N.Y. si dice che i “knickerbocker” fossero i discendenti dell’aristocrazia olandese. Olandesi che fondarono, appunto, New Amsterdam, l’odierna New York. Nella miscelazione il knickerbocker appare per la prima volta nel 1862, nel libro del famoso bartender Jerry Thomas. Ve lo riproponiamo nella sua formula originale, perché ci sembra veramente moderna.
Rum Bacardi, purea di lamponi, succo di lime e orange curacao.
*
PINACOLADA
Vendutissima negli anni ‘90, è diventata démodé negli ultimi anni. Ma a noi l’abbinamento tra cocco rum e ananas continua a piacere, così siamo lieti di servirvi una piñacolada chiarificata, servita in doppia coppa con sfera di ghiaccio e un piccolo tocco italiano, il Marsala.
Rum El dorado 3y, rum Hampden 46°, Marsala targa Florio, cocco e succo d’ananas.

 

 

Lounge Bar Reservations

LOUNG BAR COMO - prenota

At our bar, at any time of the day, you can enjoy our cold and warm proposals, carefully prepared:
aperitifs accompanied by fingerfoods;
outstanding cocktails;
exquisite desserts accompanied by a cup of coffee, a creamy cappuccino or a good tea.

BOOKING

For information and reservations, tel. +39 031.305272 – +39 031.301334