Franco Caffara - biografia

Franco Caffara (Canneto sull’Oglio, provincia di Mantova, 26 febbraio 1965)

Dopo quattro anni di Liceo Scientifico, Franco si trova a riflettere sulla frase “o sapere o sapare” consegnatagli dalla saggezza paterna. Determinato, prima di chiudere la sua parentesi scolastica, decide di fare una nuova esperienza, partendo dai gradini più bassi: accogliere la proposta di andare come apprendista nel prestigioso ristorante “il Salumaio di Montenapoleone” in via Santo Spirito a Milano.

«Non sapevo nulla del cibo, tantomeno come si cucinasse, ma non dovevo e non volevo deludere ancora una volta la mia famiglia». Con questo risoluto proposito, inizia, nel settembre del 1983, la sua nuova laboriosa esperienza in cucina «tra gigantesche pentole», come garzone e lavapiatti.

La sua dedizione si trasforma in accentuato talento per la cucina. Conquista, in breve tempo, la divisa di cuoco e affronta l’avventura culinaria a fianco dello chef Lino Bonardi che gli insegna i segreti dell’alta ristorazione.

Foto dello Chef

Foto dello Chef

Foto dello Chef

Foto dello Chef

Di questo periodo Franco ricorda con affetto e gratitudine gli insegnamenti dello chef Bonardi, ma, dopo aver assimilato metodo e indicazioni, la sua spiccata curiosità lo porta ad approfondire, trasformare e rinnovare la cucina con sue originali intuizioni.

La sua crescita professionale si conferma come riscatto e soddisfazioni per la sua famiglia e, nel contempo, con il progetto affidatogli di aprire a Tokyo due ristoranti con il famoso marchio del Salumaio. In Giappone, Franco non lascia nulla al caso, affina tecnica e capacità, assimilando i pregi della cucina locale, che gli consente nuovi accostamenti e metodologie.

Nel 1995 ritorna in italia per affrontare in proprio – con il sostegno di tutta la sua famiglia – l’apertura di un suo ristorante a Cirimido, un piccolo paese in provincia di Como, lungo un viale alberato solo di “Tigli”, dai quali prenderà il nome. Nel 2004 si trasferisce nella città di Como, sulle rive del lago, dove apre il ristorante “i Tigli al lago”. Arrivano i primi riconoscimenti delle guide gastronomiche italiane e, nel 2012, si avvera il sogno dell’ambita Stella Michelin: il primo ristorante a Como a ricevere questo merito.

Nel 2014, accoglie la grande opportunità offertagli da Giovanni Maspero di portare la sua esperienza nella prestigiosa palazzina vescovile Quattrocentesca nel centro di Como, tra il Duomo e il lago, dove la sua competenza si arricchisce della qualità offerta dall’elegante ristorante “i Tigli in Theoria”, caratterizzato da una serie di ambienti distinti che fanno da cornice alla bellissima cucina moderna a vista e che raccontano in sala la medesima attenzione al dettaglio della cucina.
Nel nuovo ristorante “i Tigli in Theoria”, ispirato a una sofisticata semplicità, lo chef Franco Caffara, propone una cucina in continua evoluzione che unisce grande rispetto per Ia tradizione, freschezza dei prodotti del territorio, rigore e semplicità di preparazione e che produce dal pane alle paste sino alla pasticceria, con l’amore e la cura di un tempo.

L’organizzazione conta sulla grande capacità e professionalità di giovani e talentuosi collaboratori, disposti a grandi sacrifici per continuare ad amare il meraviglioso lavoro di cuoco e per costruire la loro storia professionale.